CITTADINANZATTIVA. Assemblea Territoriale di Sciacca. Comunicato sulla situazione dell’Ospedale Giovanni Paolo II

CITTADINANZATTIVA. Assemblea Territoriale di Sciacca. Comunicato sulla situazione dell’Ospedale Giovanni Paolo II

CONDIVIDI

Cittadinanzattiva Sciacca (AG) – Reti del Tribunale per i diritti del Malato e dei Procuratori dei Cittadini ritengono che, nella riunione della giornata d’oggi tenutasi presso l’ospedale di Sciacca, alla presenza della Commissione Sanità, del Sindaco e del Presidente del Consiglio del Comune di Sciacca, si sia incominciato a capire quanto grave e allarmante sia la situazione dell’Ospedale Giovanni Paolo II.

Il nostro Movimento ha più volte denunciato la situazione della sanità del nostro distretto e ha auspicato che tutte le forze politiche sanitarie sindacali e sociali si unissero per affrontare la problematica con incisività e forza.

Durante l’incontro la responsabile del T.D.M., Lilla Piazza, ha ribadito il proprio giudizio negativo sulle dirigenze dell’A.S.P. di Agrigento, che si sono limitate a fare i “ragionieri” non attuando le strategie necessarie a far crescere l’azienda,   non attivandosi per distribuire le risorse in modo equo per tutto il territorio, non impegnandosi a valorizzare i servizi di qualità,  non utilizzando e razionalizzando le risorse. Hanno invece fatto di tutto per lasciare il distretto di Sciacca nel più completo abbandono.

I sanitari dell’ospedale, rendendosi conto che la situazione andava sempre più degenerando e che le risorse umane e strumentali andavano sempre più assottigliandosi, hanno deciso di lanciare l’allarme alla politica cercando di stimolarla ad attivarsi per difendere la loro dignità professionale e il diritto alla salute dei cittadini. Hanno per questo tutta la nostra solidarietà e siamo pronti a collaborare con loro per le azioni che vorranno intraprendere.

La decisione a cui la Commissione Sanità del Comune è pervenuta, alla fine dell’incontro, ha tutta la nostra approvazione, poiché ci sembra opportuno coinvolgere tutti i sindaci del distretto e affrontare l’Assessore alla Salute Lucia Borsellino che rappresenta il governo della sanità della nostra isola ed è lei che deve trovare le opportune soluzioni, risolvendo il problema dell’esiguità del personale sanitario, parasanitario e di supporto, incrementando gli anestesisti, tutte cose indispensabili affinché l’ospedale possa operare al meglio senza mettere in pericolo la salute dei cittadini.

Si spera che si voglia finalmente andare fino in fondo non demordendo o arretrando, facendo una lotta corale che comprenda oltre che la componente politica, anche gli addetti ai lavori e la società civile.

Sciacca, 6 giugno 2014

ll Coordinamento di Cittadinanzattiva

Tribunale per i diritti del Malato / Procuratori dei Cittadini

 Gero Maggio     Calogera Piazza Giuseppe Palazzolo