Consegnati i kit protettivi ai bambini ricoverati negli ospedali di Palermo e...

Consegnati i kit protettivi ai bambini ricoverati negli ospedali di Palermo e Catania

CONDIVIDI

Si è concluso nella giornata di ieri, mercoledì 24 giugno, il progetto DPI Baby – Desideriamo Proteggerli Incondizionatamente, promosso da Cittadinanzattiva Sicilia tramite la piattaforma di crowfunding laboriusa.it.

Grazie al supporto di 81 donatori digitali, l’iniziativa ha permesso di raggiungere la cifra di 5mila euro, necessaria per l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale destinati ai bambini ricoverati nei reparti pediatrici degli ospedali di Palermo e Catania. La consegna del materiale è avvenuta nell’aula Dusmet dell’Ospedale Garibaldi Centro di Catania in piazza Santa Maria di Gesù, in cui si sono susseguiti gli interventi del direttore generale dell’Arnas Garibaldi Fabrizio De Nicola, il direttore sanitario Giuseppe Giammanco, il direttore del Dipartimento Materno Infantile Giuseppe Ettore, il direttore dell’U.O. di Chirurgia Pediatrica Sebastiano Cacciaguerra, il direttore dell’U.O. di Pediatria Antonino Palermo, il primario dell’Oncologia Pediatrica del Policlinico di Catania Giovanna Russo, il direttore del Centro Studi ILHM – Unict (Innovazione in Health Management) Elita Schillaci, il Field Value Manager del gruppo farmaceutico Bristol Myers Squibb Maurizio Di Piazza, l’incaricato alla comunicazione dalla rete delle Associazioni dei Malati Reumatici Siciliani Salvatore Filetti, la giornalista e fondatrice della piattaforma Laboriusa Assia La Rosa e il segretario regionale di Cittadinanzattiva Sicilia Giuseppe Greco.
“L’Ospedale Garibaldi – secondo le parole del direttore generale Fabrizio De Nicola – è stato, come altre aziende sanitarie, destinatario di fondamentali donazioni economiche e di attrezzature necessarie per fronteggiare l’emergenza. Si è registrata una nuova e rinnovata generosità da parte di moltissimi soggetti. Questi dispositivi che vengono oggi consegnati contribuiranno a fare in modo che i piccoli pazienti si sentano accolti e protetti”.
I kit, composti da mascherine protettive per bambini e genitori, termometri, igienizzanti, brochure informative e piccoli gadget a forma di cuore hanno già ottenuto il risultato di provocare il sorriso dei piccoli pazienti dell’ospedale, nel loro momento di maggior fragilità e in cui certamente hanno bisogno del più ampio supporto da parte di tutti.
“Questa iniziativa – ha commentato a margine il segretario di Cittadinanzattiva Sicilia, Giuseppe Greco – ha dato la possibilità, anche a chi si è trovato privato del proprio lavoro e quindi in alcuni casi del proprio ruolo abituale nella società, di scoprire un modo alternativo di partecipare attivamente al benessere della comunità. Quello di donare è un atto che permette di sviluppare progetti lodevoli e concreti”.