I cittadini come risorsa per il servizio sanitario regionale

I cittadini come risorsa per il servizio sanitario regionale

CONDIVIDI


Presentazione dei risultati del Programma Regionale AUDIT CIVICO 2011-2012 e del Progetto formativo per i COMITATI CONSULTIVI

Palermo, Venerdì 13 aprile 2012, ore 9.00 – 14.00; Aula Magna Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia – Cervello

Ad inizio 2011 la Regione Siciliana ha sottoscritto una convenzione con Cittadinanzattiva Sicilia Onlus per  l’attuazione  di  un  progetto  finalizzato  alla  partecipazione  dei  cittadini  alla valutazione della qualità dei servizi sanitari attraverso la metodologia dell’Audit  Civico.

Con l’Audit Civico, attività compresa tra i progetti Obiettivo di Piano Sanitario Nazionale e Regionale, la Regione Siciliana intende realizzare un sistema di valutazione permanente dei servizi sanitari con il coinvolgimento attivo dei cittadini, principali interessati al buon funzionamento del Servizio sanitario regionale, rendendoli compartecipi dei processi di miglioramento del servizio stesso.

Nel corso del 2011 presso ciascuna azienda sanitaria sono state costituite e formate équipe miste di cittadini volontari e professionisti, che hanno valutato la qualità dei servizi e delle strutture ospedaliere e territoriali dal punto di vista del cittadino.

Il convegno costituisce l’evento di presentazione dei risultati quantitativi e qualitativi complessivi del Programma, contenuti nel 1° Rapporto Regionale di Audit Civico che riporta in chiave comparativa i dati relativi a tutte le ASP e Aziende Ospedaliere regionali. Risultati che saranno oggetto di discussione e confronto con i soggetti istituzionali e i diversi interlocutori del SSR,   con   l’obiettivo   di   individuare   nuove   azioni   e   strategie   di   intervento per migliorare la qualità dei servizi.

Il Convegno è inoltre un’importante occasione per presentare il Progetto formativo per i Comitati Consultivi delle Aziende sanitarie della Regione Sicilia.

Si tratta di un progetto formativo previsto nel 2012 per i componenti dei Comitati Consultivi, istituiti dalla legge 5/09 di riordino del SSR presso ciascuna azienda. Tali organismi sono costituiti da rappresentanti del volontariato civico e concepiti come organi collegiali indipendenti. Svolgono compiti di verifica della funzionalità dei servizi aziendali, di analisi sistematica dei dati relativi a segnalazioni, inefficienze e disfunzioni, e formulare pareri e proposte sui piani attuativi e programmi annuali di attività dei Direttori Generali.

L’Assessorato  alla  Salute  ha  disposto  e affidato al Cefpas l’attuazione  di  un percorso formativo volto a rafforzare e supportare l’attività  dei Comitati Consultivi, che sarà oggetto di presentazione nel corso del convegno.

Audit Civico e Comitati Consultivi sono quindi due temi complementari che danno evidenza della particolare attenzione che la Regione Siciliana attribuisce ai cittadini, quale risorsa centrale nel sistema di governo della salute.

Non a caso per  l’anno  2012  alle  Aziende  Sanitarie  siciliane  è  stato  assegnato  il  sub- obiettivo   4.3   “Miglioramento della qualità per il cittadino”. L’obiettivo   implica   la   partecipazione dei Comitati Consultivi all’elaborazione  e  condivisione  di  interventi  relativi   all’area   di   umanizzazione   dei   processi   assistenziali,   da   inserire   nel   Piano   Qualità   Aziendale.

L’Audit  Civico  si propone come uno strumento cardine per la redazione del Piano Qualità Aziendale e i Comitati Consultivi possono avvalersi dei dati di Audit per discutere e contribuire fattivamente, con le singole direzioni aziendali, all’elaborazione   dei predetti interventi.

Scarica il programma preliminare