Prevenzione e appropriatezza degli esami di laboratorio: è prevenzione? – a cura...

Prevenzione e appropriatezza degli esami di laboratorio: è prevenzione? – a cura del Dr Rosario Brischetto

CONDIVIDI

imageGli esami inappropriati non servono alla prevenzione, anzi possono provocare danni alla salute (a parte l’aspetto economico). L’argomento è delicato e difficile: chi ha tempo e voglia dovrebbe documentarsi sulle origini del principio per cui l’inappropriatezza in medicina è non solo inutile, ma dannosa. Non è un principio elaborato da qualche liberista rampante: risale al ‘700, e lo dobbiamo a un religioso inglese, il reverendo Bayes, che elaborò un teorema riguardante la probabilità che accada un evento. L’applicazione del teorema di Bayes alla medicina ha consentito di rendersi conto, in parole molto povere, che l’utilità di un esame clinico è correlata alla probabilità che vi sia o meno una determinata malattia, e che se questa probabilità è molto bassa l’esame non va fatto. Parlo in modo semplicistico di un argomento difficile e complesso, che consiglio a tutti di affrontare. In sostanza, si possono dire due cose: non è vero che più esami si fanno e più si scongiurano le malattie; inoltre eseguire a tappeto e ripetutamente esami di laboratorio (“tutti gli analisi”) non c’entra niente con la prevenzione.