Supportiamo la Democrazia Partecipativa

Supportiamo la Democrazia Partecipativa

CONDIVIDI

CITTADINANZATTIVA onlus è un Movimento di partecipazione civica, che opera in Italia e in Europa per la promozione e la tutela dei diritti dei cittadini e dei consumatori. Siamo “Cittadini di sana e robusta Costituzione”, presenti in Italia con 21 sedi regionali e circa 270 assemblee locali. La missione di Cittadinanzattiva trova il suo fondamento nell’art. 118 della Costituzione Italiana, che recita: “Stato, regioni, province, città metropolitane, comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio della sussidiarietà“.

In Sicilia la presenza di Cittadinanzattiva è molto articolata sul territorio (50 Assemblee Territoriali. che comprendono molte Reti, particolarmente attive, quali quelle della salute (Tribunale per i Diritti del Malato e Coordinamento delle Associazioni dei Malati Cronici), della Giustizia (Giustizia per i Diritti), della scuola (Scuola di Cittadinanzattiva), dei Consumatori (Procuratori dei Cittadini), della Cittadinanza Europea (ACN, Active Citizenship Network), Inoltre Cittadinanzattiva Sicilia ha stabilito nel tempo riferimenti e collaborazioni solide con il Forum del Terzo Settore, Organizzazione del Volontariato, organismi professionali, in particolare della sanità (Ordini dei Medici, FIMMG, PLS, IPASVI, AIFI, Osservatorio Buona Sanità), con Associazioni per l’Ambiente e ambiti dedicati della società civile, con il CRCU (del quale fa parte per le politiche dei consumatori, con la Biennale della Cittadinanza Attiva, con i Comitati Consultivi Aziendali. E’ presente nelle tre Città Metropolitane e in tutti gli altri capoluoghi di Provincia. Ha proprie Assemblee Territoriali nei Comuni oltrechè nelle Comunità Montane e sulle Isole minori (Eolie, Egadi, Pantelleria e Lampedusa).

Seguiamo con molta attenzione e vivo interesse, , le vicende politiche della nostra Regione, la Sicilia, considerandole un preciso dovere civico, sviluppando “dal basso” iniziative utili al superamento dei ritardi istituzionali e politici ovunque vi siano,insistendo molto per l’interesse verso i beni comuni, partendo dai bisogni primari, per le politiche giovanili, della cultura e della scuola, avendo a cuore la formazione professionale, l’Università e la Ricerca, la promozione delle professioni del lavoro, da quelle sanitarie, ai “tesori” più importanti, quali l’Agricoltura, l’Artigianato, la Pesca, l’Ambiente, la salvaguardia e/o il recupero del Territorio, a partire dalle Aree interne, a rischio marginalità progressiva.

Non siamo impegnati nell’agone politico dei partiti, che rispettiamo e con i quali amiamo dialogare civicamente, riconoscendone la funzione e i valori. Interveniamo con nostre specifiche proposte e programmi articolati per migliorare la qualità della vita, potenziare l’ambito della salute (Strutture e Servizi, ma anche prevenzione delle patologie, percorsi di cura, interventi legati all’innovazione e allo sviluppo di nuovi ambiti particolarmente dedicati ai Cittadini Consumatori). In Sanità, ad esempio, conduciamo una capillare campagna, avviata da pochi giorni, per sostenere l’azione di potenziamento ed efficacia degli screening oncologici. E altro ancora, spesso su sollecitazione e invito a partecipare da parte di molte componenti istituzionali, Centri di Ricerca quali l’AGENAS e il CEFPAS, per significare la presenza dei Cittadini, informati e coordinati in organismi riconosciuti e presenti sul territorio.

In questa campagna elettorale siamo stati a contatto con le forze sociali, imprenditoriali, politiche per confrontare progettualità e speranza, interventi per la prevenzione dei rischi e bellezza paesaggistica, con un pensiero ai giovani che vanno via e ad una sempre più massiccia caratterizzazione di popolazione anziana. Abbiamo un forte desiderio di un mondo nuovo segnato positivamente dalla ricerca del bene comune, dalla condivisione progettuale, dai grandi ideali e dalle pratiche diffuse del Terzo Settore. Su questo abbiamo lanciato un appello al quale hanno risposto pressoché tutte le cinque formazioni in campo per questa tornata elettorale regionale, insieme ai loro leader, in un momento particolarmente delicato della vita politica nazionale ed europea, con scenari mondiali sempre più problematici e contrastati. Noi ci siamo e contiamo di dare il nostro contributo oltre l’ideale, ma senza interferire nell’agone del confronto partitico-politico, proprio di un’altra dimensione, ma anch’essa dignitosa. Vorremmo una maggiore coesione, sicuramente. Non è più il tempo delle ideologie nude e crude! Tuttavia, una certezza metodologica nella dialettica Cittadini e Politica ci contraddistingue: sosteniamo i principi della Democrazia Partecipativa.